martedì 12 giugno 2012

Se c'era una volta, un motivo c'è

C'era una volta una bella bambina che girava con una fascionissima mantella rossa, che tutti chiamavano Cappuccetto Rosso. Un giorno andò a trovare la nonna che viveva nel bosco, ma incontrò un lupo che la fece secca, lei, e poi pure la nonna.

C'era una volta un paio di fratellini sfigati, a nome Hansel e Gretel, che girovagando nel bosco incontrarono una megera che li attirò nella casetta di marzapane con dei lecca lecca luccicanti, e poi li mise all'ingrasso per mangiarseli.

C'era una volta la Bella Addormentata nel Bosco, che, cosa ve lo dico a fare, dormiva in un bosco. Ma mica bene eh, che a dirla così magari fa invidia, no, lei ci dormiva perchè vittima di un maleficio di una strega cattivissima.

C'era una volta Pollicino, che venne mollato nel bosco dai genitori insieme ai fratelli in balia di un orco mangiabambini, che ancora non esistevano gli assistenti sociali, poveri.

C'era una volta Biancaneve, che se all'inizio pareva passarsela meglio, lì, nel bosco, coi sette nani (mica scema), poi incontrò una vecchina che l'avvelenò, e ci rimase secca pure lei.

C'era una volta Bambi, che viveva nel bosco, poi arrivò il cacciatore che gli stecchì Mamma Bambi.

C'era una volta pure Alice nel Paese delle Meraviglie, che, ve lo dico, io già a sette anni avevo capito che quei funghi erano di quelli giusti, e in più sta scema si mette a correre dietro ad un coniglio che si addentra nel bosco, ma bambina mia, poi non ti lamentare se te ne succedono di tutti i colori.

E' che voglio fermarmi qua xchè il punto è un altro, ma potrei andare avanti fino a stasera.
Volevo farvi notare il comune denominatore che hanno suddette favole, che poi, da quello che so, le favole non dovrebbero insegnare ai bambini come stare al mondo?
E infatti: a me questi personaggi appena menzionati hanno insegnato la lezione numero uno: stai lontana dal bosco, che è morte, violenza, sangue, cattiveria, putridume, schifo, cacca.

Bene, detto ciò, e tornando ai giorni nostri, dovete sapere che dietro casa mia c'è una Collina, sacra alla Patria, bassa, piatta, lunga all'incirca una ventina di chilometri, attraverso la quale scorre il Fiume Sacro alla Patria: un gioiello prezioso, colmo cicciotto di storia, siti culturali, sentieri naturalistici, bellezze paesaggistiche, e tanto, taaanto bosco. Pensate che fu la Serenissima Repubblica a decretare che sulla Collina non ci poteva abitare nessuno, quella volta lo fecero per preservare il controllo dei collegamenti fluviali, però poi non è che siano cambiate molto le cose da allora, perchè ancor oggi si erge una casa qua e là, qualche minuscolissimo borghetto da 4-5 dimore l'uno, e una maniciata di abitanti che in tutto non credo raggiungano il centinaio.

Insomma, il CM vuole prendere residenza laggiù.

Io sono disperata.
A parte che Wikipedia sottolinea entusiasticamente che la Collina è tra le zone della Regione più ricche di biodiversità a livello faunistico, ma mi ci vedete ad andare in giro con la lupara da difesa con addosso na' mantella di lana a cercare funghi allucinogeni cercando di schivare vecchine con mele avvelenate?
Bisogna che al prossimo compleanno gli regali una Raccolta dei Fratelli Grimm, al CM, vediamo l'effetto che fa.

Vi farò sapere, ma la vedo pelosa. In tutti i sensi.

14 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ri-sottolineo: ricche di biodiversità a livello faunistico.
      Traduco: volpi, cervi, orsi, lupi, orchi, dracula.
      Voi siete matti.

      Elimina
    2. beh, dracula era figo!

      Elimina
    3. Si ma ti si attacca al collo come una zecca. Che schifo.

      Elimina
    4. magari l'alcool o l'advantix funzionano pure con lui! :)

      Elimina
  2. Non ti invidio per niente... o forse un pelino per avere l'uomo sempre pieno di iniziative...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non invidiarmi.
      ma ti pare che io vada a finire in mezzo al bosco??

      Elimina
  3. Ti capisco a pieno, quella collina è ottima solo per la consueta grigliata di pasquetta e per gli ottimi agriturismi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O anche x gli estivi sabati pomeriggio di nudismo in riva al fiume. Ma non è mai successo che mi trattenessi oltre le cinque.

      Elimina
    2. il bosco no!! anche io avrei paura!!!

      Elimina
    3. Arriva uno che mi fa BU tra le fronde x farmi uno scherzone e ci rimango là..

      Elimina
  4. Muoio.
    Dal ridere per il post...
    Morirei.
    Bosco? Non fa per me...

    RispondiElimina
  5. Ciaooo disturbo solo per avvisarti che se hai tempo e passi da me c'è una cosa per te ;-)))

    RispondiElimina